Pubblicato in: Shopping

Apritimoda: anche a Firenze, come a Milano, è possibile visitare le case dei Brand

Laura SciortinoLaura Sciortino 4 settimane fa

Fine settimana dedicato ai brand della moda e ai visitatori che intendono entrare a contatto con i luoghi nascosti del fashion nelle giornate di sabato 24 e domenica 25 marzo. Apritimoda, dopo l’esperienza di Milano, arriva anche a Firenze; si tratta dell’evento dedicato alle storiche maison fiorentine e ai suoi atelier che saranno aperti, per la prima volta, liberamente e gratuitamente, al pubblico.

Dunque porte aperte di palazzi, cortili, laboratori dove nascono le idee e prendono forma le creazioni uniche di marchi famosi in tutto il mondo. L’intera città permea il gusto di una bellezza tipica dell’italian style che diventa simbolo di un intero paese.

Per maggiori informazioni sull’evento visitare il sito www.apritimoda.it.

Le maison che partecipano all’iniziativa

Sono in tutto 13 gli atelier che apriranno le porte per Apritimoda, l’iniziativa che arriva nel capoluogo toscano dopo la prima volta milanese dello scorso ottobre. Vi presentiamo le aziende che sarà possibile visitare.

-> Amedei: storica ditta con la passione per il cioccolato, “il migliore del mondo” secondo la scelta coraggiosa di Cecilia Tessieri, prima donna a ricoprire il ruolo di maître chocolatier e che ha fondato l’azienda nel 1990 battezzandola con il cognome della nonna materna. La sede è situata nella campagna pisana, in località La Rotta (via San Gervaso 26), su una superficie di oltre 2500 metri quadrati.

-> Acquaflor: bottega di profumo fondata nel 2009 dal maestro profumiere Sileno Cheloni che rappresenta a pieno titolo l’arte e la tradizione della profumeria artistica fiorentina. L’atelier si trova nel palazzo rinascimentale Antinori Corsini Serristori – ora Rosselli Cecconi – opera di Giuliano Sangallo, con i laboratori che si estendono nelle cantine storiche. È dal cortile che si accede ai laboratori sotterranei, atelier del profumiere, che sono visitabili sono in occasioni straordinarie.

-> Acquazzurra: è l’azienda fondata e diretta da Edgardo Osorio che unisce la passione per il design moderno a un lusso e per creare calzature senza tempo. Lo studio dove nascono le scarpe indossate ai piedi di trendsetter e influencer famosi si trova a Palazzo Corsini, un palazzo cinquecentesco sul fiume Arno, accanto a Ponte Vecchio; la boutique e alcune stanze dell’ufficio erano gli antichi appartamenti Medici – su cui fu costruito il Palazzo. Con tutti i suoi affreschi originali alle pareti, porte e soffitti, alcune delle stanze erano gli appartamenti della defunta principessa Corsini.

-> Emilio Pucci: maison nata nel 1914 in una delle più antiche famiglie di Firenze. La sede del marchio si trova nel cuore della città, tra il Duomo e il David di Michelangelo: in via de’ Pucci 6 ha origine l’iconico marchio Fiorentino Emilio Pucci. Palazzo Pucci è stata anche la residenza dell’omonima famiglia e sede della maison fino al 2017.

-> Enrico Coveri: Palazzo Coveri si trova nell’area dell’antico e cospicuo quartiere di Santo Spirito. L’immobile, che appartenne alla contessa Giulia de’ Medici (lo ereditò in occasione della morte prematura del fratello Ottaviano), è attualmente la sede operativa della Maison Enrico Coveri.

->Ermanno Scervino: La Maison Ermanno Scervino viene ufficialmente fondata nel 2000 a Firenze. La sede si sviluppa intorno al laboratorio couture, ospitando inoltre sartoria e maglificio, tutti in costante dialogo con l’ufficio stile. Dal 2007 è stato inaugurato il nuovo headquarter a Bagno a Ripoli, zona ottimale per la produzione dei tessuti e del pizzo.

-> Gucci Garden: inaugurato il 9 gennaio all’interno dell’antico Palazzo della Mercanzia a Firenze. Progettato dal direttore creativo di Gucci Alessandro Michele, il Gucci Garden è pensato per esplorare le creazioni della maison da articoli tratti dalle collezioni della griffe che risalgono alle sue origini fiorentine nel 1921 fino a oggetti recenti, memorabilia, ephemera e arte.

-> Lorenzo Villoresi: maison nata per la creazione delle collezioni Profumeria e Casa nell’antico palazzo di famiglia nel centro di Firenze, in via de’ Bardi 12. La produzione avviene ancora mediante metodi tradizionali che richiedono cure pazienti, tempi meditati ed una attenzione assoluta e continua.

-> Loretta Caponi: per quasi cinquant’anni Loretta Caponi ha realizzato biancheria e abbigliamento da camera per case eleganti, panfili e aerei privati di gran parte dei più importanti industriali e magnati mondiali come i Rockefeller, i Rothschild, i Kennedy, i Getty e, al tempo stesso, per la maggior parte delle case reali: i Windsor, gli Orange-Nassau, i Borbone, i Liegi e molti altri. La sede della maison si trova a Palazzo Aldobrandini, immobile che nel XIX secolo ospitava anche le botteghe di molti pittori.

-> Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti: fondato da Kirsten Aschengreen Piacenti nel 1983 con il nome Galleria del Costume, costituisce il primo museo statale in Italia dedicato alla storia della moda e del costume. È costituito da circa 8000 opere che comprendono abiti e accessori di moda databili tra il XVIII e il XXI secolo, costumi teatrali, ed ancora figurini e bozzetti per costumi e tessuti, gioielli e bijoux. Il museo è situato nella Palazzina della Meridiana, estensione dell’ala meridionale di Palazzo Pitti (piazza dei Pitti 1).

-> Museo Salvatore Ferragamo: inaugurato nel maggio 1995, il museo è nato per iniziativa della famiglia Ferragamo con la volontà di far conoscere al pubblico internazionale le qualità artistiche di Ferragamo e il ruolo che ha ricoperto nella storia non solo della calzatura, ma anche della moda internazionale. Il Palazzo Spini Feroni è sito in piazza Santa Trinita 5/r.

-> Officina Profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella: in via della Scala 16 si trovano tutti gli spazi dedicati a quest’istituzione tutta fiorentina composta dalla sala vendita, la Sala Verde, l’Antica Spezieria e la sagrestia.

-> Stefano Ricci / Antico setifico fiorentino: società leader nell’abbigliamento maschile di qualità, fondata nel 1972 dal designer fiorentino Stefano Ricci e dalla moglie Claudia. Nel quartiere di San Frediano, in via Bartolini 4, si trova la sede dell’Antico Setificio Fiorentino, dove maestre tessitrici lavorano tessendo stoffe di tradizione fiorentina, su dodici telai: sei telai a mano del Settecento e sei telai meccanici dell’Ottocento.

Il Programma

Quasi tutti i luoghi che hanno aderito all’iniziativa sono visibili gratuitamente, ad eccezione del Museo della Moda e del costume di Palazzo Pitti che prevederà il pagamento di un biglietto. Attenzione solo agli orari di apertura; sappiate che è possibile prenotarsi a numerose visite guidate… non lasciatevi scappare quest’occasione!

  • Maison Amedei : via San Gervasio 29 Loc. La Rotta – Pontedera (PI). Visitabile domenica 25 marzo dalle 10 alle 19 con visite guidate su prenotazione. Prenotazioni: amedei@amedei.it (entro giovedì 22 marzo).
  • Acquaflor: Borgo Santa Croce 6. Visitabile sabato 24 e domenica 25 alle 11:00 / 12:00 / 14:00 / 15:00 / 16:00. Visite guidate su prenotazione. Prenotazioni: info@apritimoda.it
  • Acquazzurra: Lungarno Corsini 8. Visitabile sabato 24 marzo dalle 10 alle 19. Ingresso libero.
  • Emilio Pucci: Palazzo Pucci, via dei Pucci, 6. Visitabile sabato 24 e domenica 25 dalle 10 alle 16. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
  • Enrico Coveri: Lungarno Guicciardini. Visitabile sabato 24 e domenica 25 dalle 11 alle 19. Visite guidate, ingresso libero fino a esaurimento posti.
  • Ermanno Scervino: via di Tizzano 169 – Grassina, Bagno a Ripoli (FI). Visitabile sabato 24 marzo alle ore 11:00 / 12:00 / 14:30 / 15:30. Visite guidate su prenotazione. Prenotazioni: info@apritimoda.it.
  • Gucci Garden: piazza della Signoria 10. Visitabile sabato 24 e domenica 25 dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso alle 18). Ingresso libero fino a esaurimento posti.
  • Lorenzo Villoresi: via de’ Bardi 12. Visitabile sabato 24 marzo dalle 10 alle 19, ingresso libero e visite guidate alle 10 e alle 11:30.
  • Loretta Caponi: piazza Antinori 4/r – via delle Belle Donne 28/r. Visitabile sabato 24 marzo dalle 10 alle 19, ingresso libero.
  • Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti: piazza dei Pitti 1. Visitabile sabato 24 e domenica 25 dalle 8.15 alle 18.50. Ingresso a pagamento (biglietto intero 16 euro; biglietto ridotto 8 euro); alle 10 e alle 14 visite guidate a cura degli studenti dell’Accademia Italiana. Ingresso a pagamento fino ad esaurimento posti.
  • Museo Salvatore Ferragamo: piazza Santa Trinita 5. Visitabile sabato 24 e domenica 25. Alle 10:00 / 11:30 / 15:30 / 17:30 visite guidate a ingresso libero fino a esaurimento posti.
  • Officina Profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella: via della Scala 16. Visitabile sabato 24 e domenica 25 dalle 9:00 alle 20:00. Ingresso libero. Sabato 24 alle 10:30 / 11:15 visite guidate su prenotazione. Prenotazioni: info@apritimoda.it.
  • Stefano Ricci – Antico Setificio Fiorentino: via Lorenzo Bartolini 4. Visitabile sabato 24 e domenica 25 marzo; alle 11:00 / 12:00 / 13:00 / 14:00 / 15:00 / 16:00 / 17:00 visite guidate, ingresso libero fino a esaurimento posti.

Se siete curiosi di sapere quello che era stato organizzato a Milano per lo stesso evento, date un’occhiata all’Agenda Eventi.

 

Etichette:

Forse sei interessato a: