Pubblicato in: News Teatro

La Compagnia delle Seggiole in piazza Bartali: tutti gli spettacoli

Lorena VallieriLorena Vallieri 2 settimane fa
L'attore Fabio Baronti della compagnia delle Seggiole
Fabio Baronti della compagnia delle Seggiole (foto di Marco Fantechi)

Tra gli eventi che animeranno l’estate fiorentina c’è anche La Compagnia delle Seggiole in piazza Bartali, dal 5 giugno al 31 luglio tutti i martedì alle 21.00 con nove spettacoli a ingresso gratuito.

La serata d’apertura sarà dedicata a una delle più grandi figure del ciclismo di tutti i tempi: Gino Bartali. Per l’occasione sarà presentata in prima nazionale assoluta lo spettacolo “Bartali: il bene si fa ma non si dice” di Marcello Lazzerini. La compagnia fiorentina racconterà la sua opera di salvataggio degli ebrei, durante la 2° Guerra Mondiale, ma anche le sue imprese ciclistiche, la sua fede, il suo carattere non sempre facile (celebre il suo motto “è tutto sbagliato, tutto da rifare”). A dare voce al campione Fabio Baronti. La serata sarà replicata il 31 luglio.

Si prosegue con due grandi classici delle Seggiole. Il 12 giugno andrà in scena “Grillo Swing” di Sabrina Tinalli. Un omaggio al Grillo Canterino con musiche e canzoni di Odoardo Spadaro. Il 26 giugno sarà la volta di “Sussi & Biribissi”, lettura radiofonica drammatizzata del racconto di Collodi Nipote nell’adattamento di Claudio Spaggiari.

Doppia replica, il 19 giugno e il 24 luglio, per uno degli spettacoli più divertenti de La Compagnia delle Seggiole: “Ri-spogliati”Letture e situazioni “radiofoniche” con canzoni dal vivo sull’amore degli uomini per le donne… e delle donne per gli uomini… e per le donne… Pensato da Sabrina Tinalli sarà presentato in un nuovo adattamento pensato per l’occasione.

Martedì 3 luglio tutta la magia della radio con “Il mistero della donna in nero”, radiogiallo di Ellery Queen con i “rumori” e i “rumoristi” della radio. Mentre il 10 luglio ci si interrogherà su cosa è accaduto negli ultimi decenni alla lingua italiana con Sao ko ke le terrepiccola storia della lingua italiana”, conversazione (in)credibile con la lingua italiana che ci svelerà il suo “stato di salute” a seguito delle contaminazioni con le lingue straniere e con i linguaggi altri, in particolare quello del web e dei social media.

Infine, il 17 luglio, “Io amo Firenze e le sue Piazze” un omaggio alla città raccontata attraverso i suoi luoghi e le sue storie, spesso sconosciuti ai più!

Etichette: