Pubblicato in: Evergreen

Calcio Storico Fiorentino: i quartieri, le regole del gioco e le curiosità sulla manifestazione

calcianti al calcio storico fiorentino
fonte: Flickr ph Ilaria Tuberosa

Il Calcio Storico Fiorentino, detto anche “Calcio in costume” o “Calcio in livrea”, è una tradizione che affonda le sue radici in tempi remoti tanto che si pensa essere l’antenato del gioco del calcio, anche se nelle regole ricorda molto il rugby. Non a caso, quest’antica disciplina è considerata alla base di molti giochi con la palla e di contatto e all’origine di sport di squadra moderni come il football americano.

Le partite tra le quattro squadre rionali (azzurri, bianchi, rossi, verdi) si disputano ogni anno nel mese di giugno per le festività del patrono della città, San Giovanni Battista, e nel giorno a lui dedicato, il 24. Oggi il Calcio Storico rappresenta una manifestazione non solamente sportiva, ma una vera e propria rievocazione storica che conserva l’antico volto di Firenze.

Calcio Storico Fiorentino, le squadre

In tutto, le squadre, sono quattro, divise per i quattro quartieri storici di Firenze, ognuna con un proprio colore. Ciascuna di queste suddivisioni prende il nome dal luogo di culto di riferimento.

-> BianchiQuartiere Santo Spirito: sud-ovest della città, comprende l’Oltrarno.

-> RossiQuartiere Santa Maria Novella: nord-ovest della città, comprende Arno, Ponte Vecchio, Porta al Prato fino a metà della Fortezza da Basso.

-> Blu – Quartiere Santa Croce: sud-est della città, comprende da Porta a Pinti fino all’Arno dalla parte della Zecca e verso ovest le vie di Calimala e di Por S. Maria fino al Ponte Vecchio.

-> Verdi – Quartiere San Giovanni: nord-est della città, comprende il lato occidentale del Borgo Pinti, la parte settentrionale del Borgo degli Albizzi, il Corso, la parte orientale del Mercato Vecchio, fino a Porta S. Gallo.

Calcio Storico Fiorentino, Regole del gioco

Molte cose sono cambiate da quando questo gioco ha avuto origine, anche se si cerca di mantenere come riferimento il trattato con le regole di Giovanni de’ Bardi (1580).

-> Teatro del Calcio è piazza Santa Croce, allestita a campo ricoperto di rena, diviso in due quadrati identici sul fondo dei quali è montata una rete.

-> Ciascuna squadra è composta da 27 calcianti.

-> Le partite hanno una durata di 50 minuti.

-> L’incontro viene diretto dal Giudice Arbitro, coadiuvato da sei Segnalinee e dal Giudice Commissario che risiede però fuori campo.

-> La partita ha inizio con il lancio del pallone da parte del Pallaio dal centro del campo.

-> L’obiettivo dei calcianti è quello di portare la palla nella rete del campo avversario segnando così la “caccia” (nonché l’antenato del più moderno goal).

-> Dopo ciascuna caccia, le squadre devono cambiare campo.

Calcio Storico Fiorentino, Curiosità

-> Se la finale si disputa necessariamente il giorno del 24 giugno, le due semifinali vengono decise per estrazione il giorno di Pasqua dopo il famoso scoppio del carro. Per l’edizione del 2018 sono state individuate queste date:

9 giugno 2018: Azzurri di Santa Croce contro Rossi di Santa Maria Novella

10 giugno 2018: Verdi di San Giovanni contro Bianchi di Santo Spirito.

-> La finale del 24 giugno viene introdotta da una sfilata in costume di 530 figuranti vestiti con abiti rinascimentali; alla parata partecipano sbandieratori e una banda musicale che da Santa Maria Novella arriva fino a piazza Santa Croce.

Il Corteo Storico della Repubblica Fiorentina partirà da Piazzetta di Parte Guelfa (ore 8.30) per arrivare alla Loggia del Bigallo; qui vi sarà una sosta, dopo di che proseguirà verso Piazza del Duomo,Via Calzaiuoli, Piazza della Signoria ( sosta per l’omaggio al Sindaco verso le ore 09.00 e successiva partenza) Piazza della Signoria, Via Calzaiuoli, Piazza S. Giovanni per arrivare al Battistero e celebrare la cerimonia.

Calcio Storico fiorentino, i risultati delle prime semifinali

Sabato 9 giugno, in piazza Santa Croce, è stata disputata la prima semifinale del calcio storico; più che una vera sfida è stata una partita dimostrativa tra Rossi Vs una selezione di Verdi e Bianchi dopo che gli azzurri hanno scelto di non scendere in campo. La protesta dei calcianti di Santa Croce, infatti, deriva da una serie di squalifiche riferite alla partita dello scorso anno quando, dopo una serie di episodi, la polizia era stata costretta ad entrare in campo e a sospendere la partita, decretando  di fatto la vittoria d’ufficio ai Bianchi di Santo Spirito. Pertanto, quest’anno, si è assistito a una prima semifinale relativamente più “tranquilla” del solito in cui i Rossi hanno totalizzato 10 cacce e mezzo contro le 4 e mezzo degli avversari.

La seconda semifinale (10 giugno), invece, si è disputata Verdi di San Giovanni contro i Bianchi di Santo Spirito.  Ad aggiudicarsi la vittoria e ad arrivare direttamente in finale sono i Verdi con 9 cacce e mezzo contro le 5 degli avversari, ormai ex i campioni in carica.

Una partita che ha ribaltato un po’ tutti i pronostici e che vedrà, domenica 24 giugno, giorno di San Giovanni, scendere in campo i Verdi di San Giovanni contro i Rossi di Santa Maria Novella. Durante la giornata dedicata al patrono della città, tutta Firenze sarà animata da rievocazioni storiche e religiose, parate e tanto sport.

La finale si disputa alle ore 17 nell’arena di Piazza Santa Croce. 

Calcio Storico fiorentino, la Finale

Sono i Rossi di Santa Maria Novella i vincitori di questa edizione che, nella partita disputata il 24 giugno in occasione di San Giovanni Battista, battono i Verdi di San Giovanni per 10 cacce e mezzo contro le quattro della squadra avversaria. Si è parlato di un grande rispetto in campo, nonostante la decisione da parte degli Azzurri di continuare la protesta contro le squalifiche dello scorso anno. Una grande partecipazione da parte del pubblico fiorentino e non solo, confermata dal sold out dei biglietti per la finale già qualche giorno prima che si disputasse la grande sfida.

Etichette: