Pubblicato in: Evergreen

Shopping a Firenze: dalla legatoria al cibo, come scegliere il souvenir giusto

market_Pixabay
Fonte: Pixabay

Turisti, viaggiatori, semplici cittadini: che stiate facendo una passeggiata o una gita a Firenze, vi sarete spesso imbattuti nella domanda: “dove potrei comprare qualcosa di caratteristico?”. Occorrerà scegliere tra la pelletteria artigianale, la nota carta fiorentina, i profumi della storia e, ovviamente, il cibo. Ecco un viaggio nello shopping a Firenze.

Negozi a Firenze: gli articoli di legatoria

Al Signum (ci sono tre sedi di questo negozio: in L.no Archibustieri 14/R, via Borgo de’ Greci 40/r e via de Benci 29/r-31/r, tel 055289393) potrete trovare cartoline, poster e stampe, ma anche riproduzioni di mappe storiche e planisferi, realizzati con tecniche e materiali del passato, una tradizione che passa dalle abilità degli artigiani e di un mastro legatore. Ampio spazio è dedicato anche a Pinocchio e ai personaggi dell’omonima favola del fiorentino Carlo Collodi con sagome, mini e micro teatrini e marionette.

Acquisti a Firenze: la farmacia più antica d’Europa

Fonte: sito dell’Officina di Santa Maria Novella

Se invece siete amanti delle erbe officinali e delle essenze, immancabile è la tappa all’Officina profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella (detta anche “Farmacia” o “Antica Spezieria”). È nel complesso conventuale di Santa Maria Novella, in via della Scala 16, dove ancora oggi si trova la farmacia storica più antica di tutta Europa. Oltre 1700 metri quadri suddivisi in sale decorate, aree adibite a museo e a biblioteca, l’antica spezieria, la sagrestia (sala dove si conservavano le acque), l’angolo dei fiori e la più recente tisaneria per permettere ai clienti di degustare thè, tisane e altre specialità alimentari dell’azienda. Qui, ora come allora, si possono acquistare distillati di erbe e fiori, balsami, essenze, pomate e i famosi sacchetti profumati di pout pourri che rappresentano il simbolo di uno degli esercizi commerciali di Firenze più antichi in assoluto.

Shopping a Firenze: botteghe storiche e mercatini

Ma potreste avere intenzione di buttarvi nello shopping di vestiario, accessori e souvenir! In questo caso l’ideale è il Mercato di San Lorenzo, specializzato in pelletteria artigianale fiorentina. Il fiume Arno, infatti, mettendo “a disposizione” la sua acqua, ha permesso, fin dai tempi antichi, di specializzarsi nel processo di conciatura e quindi di produrre pellame anche di altissima qualità.

Cosa comprare a Firenze nei mercati? Giacche, cinture, borse, scarpe e molto altro ancora tutto “genuine leather” anche al Mercato del Porcellino (meno economico dell’altro) in piazza del Mercato Nuovo, piccolo centro voluto da Cosimo I de’ Medici come sede dei tessuti preziosi e dell’oreficeria.

Fonte: sito web del Mercato del Porcellino

Ma se preferite i negozi più piccoli e le botteghe, specializzati nella produzione di alcuni prodotti, per un paio di scarpe in pelle su misura, dovrete muovervi tra via dei Cerretani o via Pellicceria; per una borsa, invece, si trovano molti laboratori in zona Santa Croce.

I sapori di Firenze: dove comprare i prodotti della cucina fiorentina

Fonte: sito Mercato di San Lorenzo

Tra tutto quello che si può comprare a Firenze, non ci dobbiamo dimenticare di parlare di… cibo. Dalla bistecca fiorentina al lampredotto, dalla ribollita alla pappa al pomodoro: acquistare un piatto tipico significa procurarsi i sapori irriproducibili di quella città (qui metterei un link interno a uno degli evergreen che parla dei prodotti tipici). Potrete trovare la cucina fiorentina tutta riunita negli spazi del Mercato di San Lorenzo (o Mercato Centrale), edificio realizzato da Giuseppe Mengoni nel quale, al piano terra, avrete la possibilità di comprare carne, pesce, frutta, verdura e specialità locali, mentre al secondo piano la cucina dell’innovazione e tecnologia a servizio della tradizione. Aperto 7 giorni su 7, con la possibilità di far mangiare oltre 500 persone, il mercato offre la possibilità di assaggiare l’hamburger di chianina, la trippa fiorentina, la schiacciata e molto altro ancora.

Etichette: