Pubblicato in: Evergreen

Il gioco d’azzardo nell’arte, da Caravaggio a Cezanne

News PartnerNews Partner 2 settimane fa
i-bari-caravaggio

Che legame potrebbe mai avere l’arte con il gioco d’azzardo? In realtà molto più solido e stretto rispetto a quello che potremmo pensare, almeno in un primo momento. Da un certo punto di vista, si può affermare come non è un legame molto attuale, ma che comunque ha fatto la storia.

Oggigiorno, infatti, il mondo del gioco d’azzardo è letteralmente dominato dalle piattaforme online, che ormai hanno catturato l’attenzione di gran parte dei giocatori, che preferiscono le sale da gioco virtuali a quelle fisiche. Il vantaggio principale è quello legato alla praticità: poter accedere a ottimizzati casino per tablet e smartphone è una comodità mica da ridere, anche perché offre la possibilità di divertirsi puntando o scommettendo in qualsiasi luogo ci si trovi. Avete voglia di piazzare una puntata su un evento sportivo, ma siete in pausa pranzo e non avete il pc con voi? Nessun problema, potete tranquillamente farlo da smartphone, navigando con il browser mobile oppure scaricando un’app realizzata direttamente dallo stesso casinò online.

I dipinti che sono passati alla storia: da Caravaggio a Georges De La Tour

Arte e gioco d’azzardo dicevamo. La tecnologia è sicuramente affascinante, ma stenta ad esserlo quanto alcuni dipinti che fanno riferimento proprio a questo ambito, che sono diventati molto famosi. Basta pensare a due artisti ben noti come Caravaggio e Georges De La Tour. Quello di Caravaggio, ribattezzato “I bari”, è senz’altro uno dei dipinti più conosciuti: creato negli ultimi anni del 1500, ritrae due uomini che stanno giocando a carte e un altro che cerca in tutti i modi di sbirciare quelle dei suoi avversari.

Simile, quantomeno nel nome, “Il baro”, il dipinto realizzato da Georges De La Tour, altrettanto famoso e creato tra il 1626 e il 1629. Ritrae un gruppo di donne che è intento a giocare a carte insieme ad un uomo: quest’ultimo, sfruttando un momento in cui le giovani sono distratte, sfila ben due assi nascosti dalla sua cintura.

Jan Steen e Paul Cézanne

Un altro dipinto particolarmente famoso che testimonia perfettamente il legame tra arte e gioco d’azzardo è “Discussione durante una partita a carte” realizzato originariamente da Jan Steen. Si tratta di uno dei dipinti più importanti durante quello che è stato ribattezzato dagli storici come Secolo d’Oro Olandese. Un quadro che venne scoperto solamente dopo la metà del XVI secolo, in cui vengono ritratti due giocatori di carte impegnati in un pesante alterco.

Impossibile, infine, non fare riferimento anche alla splendida collezione realizzata da Paul Cézanne. Si tratta de “I giocatori di carte”, che comprende vari dipinti di uno degli artisti che sono diventati famosi durante il periodo Post Impressionismo in Francia. Cèzanne divenne celebre per non creare solamente delle pitture, ma anche per studiare in maniera approfondita il comportamento e le abitudini dei giocatori di carte prima di realizzare i vari quadri. Una collezione che include la bellezza di cinque dipinti, che vennero creati tra il 1890 e il 1895. Ognuno di essi, come si può facilmente intuire, ha un significato del tutto specifico, rappresentando in maniera molto realistica le giornate tipiche degli amanti del gioco d’azzardo.