Pubblicato in: Evergreen

Giardini, case museo e tour: Firenze da scoprire a costo zero

santa-maria-novella-pixabay travelato_eu-min
Fonte: Pixabay - Travelato

Firenze, di per sé, è un museo a cielo aperto. Ma se volete ammirare qualche opera della città senza spendere un euro, ecco qualche suggerimento per la vostra visita su cosa fare gratis a Firenze.

Firenze, tour gratuiti

Il servizio offerto dal Florence free tour, per esempio, vi permetterà di fare un tour a piedi gratis di Firenze accompagnati da una guida passando dai principali luoghi d’interesse del capoluogo toscano. Il meeting point è alla chiesa di Santa Maria Novella; da qui, ogni giorno, partono due visite (in inglese e in spagnolo) di circa due ore ciascuna: la prima, alle 11, il “Renaissance tour”, mentre alle 14 il “Medici tour”. Una guida preparata vi accompagnerà tra le tante curiosità della grande storia di Firenze, un modo semplice per farsi un’idea della città prima di andare a visitare luoghi, musei e testimonianze storiche più specifiche.  Se rimarrete soddisfatti da questa passeggiata nella culla dell’arte, potrete sempre lasciare un’offerta libera ai vostri accompagnatori.

Case museo a Firenze

Fonte: Saiko

Arte e poesia si incontrano poi a Casa Guidi, la casa in cui vissero la poetessa inglese Elisabeth Barret Browning e il marito Robert (piazza San Felice 8). Al primo piano del palazzo costruito per la famiglia Ridolfi tra piazza san Felice e via Maggio, si trova questo autentico “nido d’amore”: in tutto 10 stanze che sono rimaste proprio così com’erano all’epoca i cui i due letterati decisero di trasferirsi a Firenze. Moltissimi i pezzi pregiati qui conservati, tra cui lo specchio del salone, i busti della coppia, quadri ottocenteschi e mobili dei rigattieri fiorentini. La casa-museo fa parte delle Case della Memoria, ovvero rientra nella lista di quelle dimore in cui hanno vissuto personaggi illustri dell’arte, letteratura, scienza e storia (il museo è aperto da aprile a novembre, orario: lun–mer–ven dalle 15 alle 18).

Visita alla Chiesa di Orsanmichele

Per gli amanti dell’arte rinascimentale, proprio di fronte al Palazzo dell’Arte della Lana, tra Ponte Vecchio e Santa Maria del Fiore, troverete la chiesa di Orsanmichele (via dell’Arte della Lana), opera dell’architetto fiorentino Arnolfo di Cambio dopo che venne distrutta nel 1239.  L’elemento che più contraddistingue la struttura – in passato circondata dall’orto dell’omonimo monastero benedettino – sono i quattordici tabernacoli decorati tra Quattro e Cinquecento delle facciate esterne. Al secondo piano dell’edificio, si trova un piccolo museo dove si possono ammirare sia le zone in cui venivano conservate le derrate alimentari che le statue di santi e profeti, tra cui anche quelle delle nicchie esterne (la visita è consentita tutti i giorni dalle 10 alle 17).

Il Giardino delle Rose: un’oasi verde a Firenze

Fonte: E. Desi

E sempre in zona Oltrarno, proprio sotto Piazzale Michelangelo, in viale Giuseppe Poggi 2 potrete trovare il Giardino delle Rose, luogo che conta almeno mille diverse varietà botaniche, una vera e propria oasi verde nella città. Oltre alle mille varietà di rose, di cui almeno 350 specie antiche, troverete alberi di limone, specie di fiori, molte opere d’arte tra cui sculture in bronzo e gessi come lo “Chat”, il gatto che sonnecchia nel prato o gli “Omini” con cappotto e cappello. Dal 1998 poi, un’area è stata dedicata alla cultura orientale, con il giardino giapponese donato alla città dall’architetto Yasuo Kitayama (aperto tutto l’anno, escluso il 25 dicembre e il 1° maggio con orario estivo dalle 9.00 alle 20.00 e orario invernale dalle 9.00 alle 17.00).

E per sapere cosa visitare a Firenze in mezza giornata, in uno o in tre giorni segui i nostri consigli!

Ecco il nostro articolo su cosa visitare a Firenze in un giorno!

Ecco il nostro articolo su cosa visitare a Firenze in mezza giornata!

Ecco il nostro articolo su cosa visitare a Firenze in tre giorni!

Se avete più giorni a disposizione vi consigliamo di visitare altri luoghi “fuori porta”!

Firenze e dintorni: tesori da scoprire fuori città

Etichette: