Pubblicato in: Guide News

Emergenza Coronavirus: consigli su cosa fare in casa

Benedetta ColasantiBenedetta Colasanti 4 settimane fa
Fonte: Pixabay

Ora più che mai ci rendiamo conto di quanto è importante la nostra quotidianità, la vita all’aria aperta, il contatto umano. Ma in questo periodo di emergenza è importante seguire diligentemente le direttive dei capi di stato e di chi è competente, rifuggendo notizie potenzialmente false ed evitando di fare di testa propria.

Secondo le ultime indicazioni, stare in casa ed evitare contatti futili tra persone è il miglior modo per limitare gli effetti del virus che sta colpendo il nostro paese e sanare al più presto la situazione. È un dovere per la salute nostra e altrui, per l’economia, per il benessere psicologico di tutti.

Consigliando di rivolgersi sempre alle fonti ufficiali quando si ha bisogno di informazioni sul Coronavirus e sulle “regole” comportamentali da adottare, ecco i consigli di Firenze Weekend su come passare le giornate in casa. Le cose da fare sono tante, il tempo scorre ed è prezioso: il lato positivo è che finalmente possiamo sfruttarlo senza correre a destra e sinistra in preda agli impegni!

1) Studio e lavoro da casa

-> Prima di tutto è importante ricordare che la vita non si ferma: scuole e università si stanno impegnando per fornire agli studenti di ogni ordine e grado materiale telematico in modo da non rimanere indietro con il programma didattico. Lo stesso vale per i lavoratori: molte aziende hanno predisposto il lavoro da remoto. È importante mantenere i propri ritmi, non andare a letto tardi, svegliarsi di buon’ora e svolgere le attività che normalmente caratterizzano le nostre giornate. La tecnologia permette di apprendere e lavorare a distanza; non è la stessa cosa che apprendere dal vivo e lavorare a contatto con i colleghi ma è una buona occasione per sperimentare un’alternativa in caso di emergenza e per riflettere sull’importanza delle relazioni “face to face”.

2) Prendersi cura di sé

-> Stare in casa è un duro colpo per gli sportivi! Ma è arrivato il momento di scoprire attività fisiche da svolgere in casa come lo yoga o il pilates a corpo libero, discipline fondamentali per il benessere fisico e mentale. Per i principianti: basta dare un’occhiata su Youtube, sui Social o su App Store per trovare il tutorial che fa per voi.

-> Vi è mai capitato di pensare di non avere abbastanza tempo per prendervi cura del vostro aspetto? Che scomodo truccarsi in macchina, che brutto non avere tempo per farsi una maschera per il viso, un trattamento per i capelli, uno scrub sotto la doccia… In questo periodo di isolamento possiamo concederci una mezz’ora per la cura del nostro corpo, quella mezz’ora che spesso sprechiamo sui mezzi pubblici, facendo la spesa, mettendo a posto la casa o in ufficio.

3) Cucinare

-> Stare in casa non significa rinunciare a uno stile di vita sano: finalmente abbiamo il tempo di cucinare, rinunciando così a un panino al volo o a schifezze confezionate. Fare la spesa non è vietato ma è importante farla con coscienza, senza assaltare i supermercati e impegnandosi a rispettare le norme igieniche e le distanze di sicurezza. Detto questo è facile preparare cibi sani e gustosi con pochi e semplici ingredienti. Ecco qualche suggerimento:

-> Colazione: Pancakes

Ingredienti: 25 grammi di burro (o di olio), 125 grammi di farina, 2 uova, 200 grammi di latte, 6 grammi di lievito per dolci, 15 grammi di zucchero di canna.

Procedimento: dividere gli albumi dai tuorli, versare i tuorli in una ciotola e sbatterli con una frusta a mano; unire il burro fuso a temperatura ambiente e il latte; montare il composto; unire il lievito alla farina e setacciare tutto nella ciotola con il composto di uova; mescolare per amalgamare; montare gli albumi con lo zucchero e infine incorporarli al composto di uovo. Scaldare sul fuoco medio, se necessario ungere la padella con poco burro o con un filo d’olio. Condire a piacere.

-> Pranzo: pasta con crema di zucchine, basilico e mandorle

Ingredienti: 190 grammi di pasta, 3 zucchine, Philadelphia, mezza cipolla, mandorle.

Procedimento: soffriggere la cipolla in padella con un filo d’olio, aggiungere le zucchine tagliate a pezzetti; tritare le mandorle; intanto mettere a cuocere la pasta; aggiungere il Philadelphia in padella e frullare il tutto insieme alle mandorle. Appena la pasta è cotta, condire.

-> Cena: polpette vegetariane

Ingredienti: carote, patate, cipolla, 1 uovo, parmigiano, curry, basilico, pangrattato, sesamo.

Procedimento: tagliare a cubetti la verdura e buttarla nell’acqua bollente, cuocere per dieci minuti; aggiungere il sale nell’acqua; scolare e schiacciare con la forchetta; aggiungere l’uovo; aggiungere parmigiano e pangrattato fino a quando l’impasto non risulterà sufficientemente denso; dividere in due parti l’impasto e insaporire ogni parte con curry e basilico quanto basta; formare le polpette con l’aggiunta di sesamo e pangrattato; cuocere in un filo d’olio fino a doratura.

Per chi è alle prime armi anche in cucina e cerca un’alternativa a Giallo Zafferano, un simpatico profilo Instagram da seguire è cucinandosenzarimpianti.

4) Leggere

-> La lettura, come la musica, i film e le serie tv (su cui torneremo dopo) sono gli intrattenimenti che accomunano moltissime persone nonostante i gusti del singolo. Finalmente si ha un po’ di tempo anche per leggere i libri accumulati sul comodino e sugli scaffali impolverati. Ecco qualche consiglio sulle letture da non perdere, per viaggiare con la mente:

-> I classici: “Viaggio al centro della terra” di Jules Verne; “Le notti bianche” di Fedor Dostoevskij; “On the Road” di Jack Kerouac; “Quaderni di Lanzarote” di José Saramago; “La corriera stravagante” di John Steinbeck; “Camera con vista” di Edward Morgan Forster.

-> I migliori contemporanei: “Novecento” di Alessandro Baricco; “Norwegian Wood” di Murakami; “Shantaram” di Gregory David Roberts; “Nelle terre estreme” di Jon Krakauer; “Lullaby Road” di James Anderson; “Venuto al mondo” di Margaret Mazzantini.

-> Chi preferisce storia antica, tematiche filosofiche e psicologiche o graphic novel: “Odissea” di Omero; “Eneide” di Virgilio; “Il profeta” di Khalil Gibran; “Introduzione alla psicanalisi” di Sigmund Freud; “La tigre e l’acrobata” di Susanna Tamaro; “Blast” di Manu Larcenet.

5) Ascoltare musica

-> Chi ha in casa vinili, cd e vecchie cassette, può approfittare per ascoltare qualche hit del passato. L’alternativa è quella delle piattaforme internet: YouTube, iTunes e soprattutto Spotify. Si tratta di veri e propri scrigni in cui si può trovare musica per tutti i gusti e realizzare playlist in cui proporre i propri gusti o i migliori successi di un genere in particolare.

6) Film e serie tv

-> Accumulati su comodini e pareti di molti si trovano anche dvd o liste di film da vedere. Anche in questo caso internet rappresenta una grande risorsa con Netflix, Amazon Prime Video, Infinity e YouTube. È anche l’occasione per mettersi in pari con la visione di film e serie da vedere assolutamente. Sempre sulle tematiche del viaggio e della fantasia:

-> Lungometraggi, film: “La storia infinita”; “Lion”; “Interstellar”; “12 anni schiavo”; e di animazione: “Trolls”, “Il Piccolo Principe” e “Pets”.

-> Serie: “The 100”; “Dark” o “Alto mare”.

-> Documentari: “Notte sul pianeta Terra”; “Expedition Happiness”; in tema virus, “Pandemia globale”.

7) Mettere in ordine

-> Armadi e dispense in disordine? È il momento di buttare cose vecchie, pulire e riordinare non solo le nostre case ma anche i computer, gli hard disk, gli scaffali e, perché no, le idee!

8) Scrivere

-> Per rifuggire alla noia, alla tristezza e alla solitudine, un buon metodo è tenere un diario. Un passatempo terapeutico e utile per conservare le proprie memorie attraverso la scrittura ma anche il disegno o le registrazioni audio. Chi preferisce le lettere al diario, può approfittare dell’isolamento per scrivere un’e-mail al se stesso del futuro o una lettera alla propria nonna che magari si trova sola in un’altra abitazione per sfuggire al contagio.

9) Attività manuali e ricreative

-> Considerando quanto la nostra vita sia normalmente frenetica, non dimentichiamo di trascorrere tempo prezioso con i nostri cari: parlare, guardare vecchie fotografie o filmini di famiglia, leggere e cantare insieme, intrattenersi con un gioco da tavola, scambiarsi racconti, opinioni, informazioni, conoscenze, sia intangibili che pratiche.

-> Quanto alle attività manuali, si può imparare a cucire e ricamare, cimentarsi nella pittura, nella modellazione di materiale plastico, si può aggiustare ciò che in casa è rotto da tempo o cambiare la disposizione dei mobili nella propria camera o in salotto.

10) Usare i Social in maniera utile

-> Ultimo ma non per importanza. In questo periodo di isolamento ci siamo resi conto che i Social non ci bastano e che il contatto umano e la vita all’aria aperta è l’essenza della nostra esistenza. Abituati a lavorare in team, a uscire con gli amici, a frequentare locali e ambienti affollatissimi, sentiamo ora la mancanza degli amici. È quindi l’ora di usare le piattaforme Social per sentire gli amici con messaggi, telefonate e videochiamate.

-> Internet non è un nemico ma una risorsa preziosa da usare con parsimonia e soprattutto con intelligenza. Chiediamoci come. Condividiamo pensieri, sentimenti, contenuti, informazioni utili; combattiamo le fake news e l’ignoranza, capiamo come renderci davvero utili. Fatto ciò, programmiamo i prossimi viaggi, la vita dei mesi che verranno, il futuro, viaggiamo con la fantasia in attesa di poter tornare a farlo sul serio!

Leggi anche

-> Le misure di prevenzione della Toscana

-> Il nuovo decreto di Conte Dpcm 11 marzo 2020

-> #IORESTOACASA tutto quello che c’è da sapere

-> Consegne a domicilio di negozi e supermercati

-> Iniziative di solidarietà locale: volontariato e consegna dei farmaci a domicilio

-> Food delivery a Firenze: i locali che consegnano a domicilio

-> Nuova direttiva: chiusi i parchi e i giardini pubblici

-> Piatti tradizionali toscani da gustare anche a casa

-> Dolci tipici toscani: perché non provare a cucinarli?

Etichette: