Pubblicato in: News

Cosa fare a Firenze nel weekend dal 5 al 7 gennaio 2018

florence-Pixabay-min
Fonte: Pixabay

Come scoprire gli appuntamenti da non perdere a Firenze nel weekend? Ecco per voi il nostro #spiegoneweekend per andare incontro a tutte le passioni e a tutti i gusti!

Dopo 5 anni di attività del quotidiano di eventi e tempo libero Milano Weekend, nasce la nuova redazione di Firenze Weekend che da ora in poi vi terrà informati su tutto ciò che c’è da fare e vedere nel capoluogo toscano e nei dintorni. Dunque, come si dice, stay tuned!

Per voi il calendario di eventi del primo weekend del 2018. In primo piano le mostre che stanno per concludersi per dare spazio a nuove esposizioni, ma anche tanti spettacoli teatrali e, come sempre, concerti e serate nei locali. Non mancano, infine, eventi speciali per le famiglie con bambini e gli appuntamenti letterari.

Mostre a Firenze

-> #spiegonemostre: ultima settimana per alcune mostre

Presepe monumentale dei Sassi di Matera (fino al 4 febbraio): allestito nella Chiesa di Santo Spirito il presepe del famoso artista lucano Francesco Artese. Un capolavoro di ottanta metri quadri, con un’altezza di oltre sei metri e centodieci personaggi.

Maternità divine. Sculture lignee della Basilicata dal Medioevo al Settecento (fino al 24 marzo): nel sacrario della Basilica di Santa Croce il tema della Natività è indagato attraverso una quindicina di sculture di grandi dimensioni raffiguranti la Madonna con il Bambino o la Sacra Famiglia.

Misurazioni (fino al 24 febbraio): a quasi quarant’anni dall’ultima mostra, Eliseo Mattiacci torna a Firenze alla Galleria Poggiali con una personale di disegni, acquarelli e istallazioni esemplificative del percorso dell’artista in oltre cinquant’anni di lavoro.

Pretiosa vitreaL’arte vetraria antica nei musei e nelle collezioni private della Toscana (fino al 29 gennaio): per gli amanti dell’antico d’obbligo una tappa al Museo Archeologico Nazionale. La mostra, che nel titolo si ispira a un passo del celebre “Satyricon” di Petronio, offre un percorso alla scoperta dell’antica arte della lavorazione del vetro e delle infinite forme, colori e riflessi dei vasi etruschi, greci e romani.

Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura alla Galleria dell’Accademia (fino al 18 marzo): il Trecento come secolo in cui nasce la moda. I ricami, i preziosi velluti e le tavole dagli sfondi dorati ancora oggi testimoniano la grande tradizione artigianale e artistica di Firenze. Con un prestito d’eccezione: un vestitino in lana prestato dal National Museum di Copenhagen – confezionato intorno alla metà del XIV secolo per una bimba e recentemente recuperato dagli archeologi in Groenlandia.

Il Rinascimento giapponese. La natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo (fino al 7 gennaio): prima nel suo genere in Europa. Nell’Aula Magliabechiana degli Uffizi è possibile ammirare trentanove esempi di arte giapponese su carta. Delicate pitture di paesaggio e natura, molte delle quali considerate tesori nazionali e proprietà intellettuali importanti del Giappone, nel classico formato del paravento pieghevole (byōbu) e delle porte scorrevoli (fusumae). Data la delicatezza del supporto, sono esposte in tre rotazioni di tredici alla volta.

Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna (fino al 21 gennaio): è questa la proposta di Palazzo Strozzi. I curatori, attraverso una settanta di opere, restituiscono il clima artistico e culturale di un’epoca dalla straordinaria vitalità e innovazione, segnata da una parte dai dettami della Controriforma, dall’altra da una personalità emblematica quale Francesco I de’ Medici, generoso mecenate affascinato dal mondo dell’alchimia. Star indiscussa dell’esposizione la “Deposizione” di Pontormo proveniente dalla Chiesa di Santa Felicita e reduce da un accurato restauro.

Leopoldo de’ Medici principe dei collezionisti a Palazzo Pitti (fino al 28 gennaio): per gli appassionati di arte e collezionismo la mostra, in corso presso il Tesoro dei Granduchi, è tappa obbligatoria. Pensata in occasione del quarto centenario della nascita del cardinale, riunisce raffinati ed eccellenti esempi di sculture antiche e moderne, oggetti d’arte orientale, pitture, strumenti scientifici e mirabilia. Il tutto nella cornice delle sale affrescate dell’appartamento d’estate della famiglia Medici.

I nipoti del Re di Spagna (fino al 7 gennaio): sempre a Palazzo Pitti, con lo stesso biglietto della mostra su Leopoldo, suggeriamo di visitare la Galleria Palatina. Qui è presentato il più recente acquisto delle collezioni: il dipinto di Anton Raphael Mengs raffigurante Ferdinando e Maria Anna, due dei figli dell’Arciduca Pietro Leopoldo di Lorena e di Maria Luisa di Borbone.

Reliquiario di Montalto al Bargello (fino al 30 gennaio): il rarissimo capolavoro di oreficeria medievale, attribuito all’artista francese Jean Du Vivier, attivo a Parigi alla corte di Carlo V, sarà visibile nella Cappella della Maddalena per tutta la durata dei lavori di restauro al Museo Sistino Vescovile di Montalto, danneggiato durante il terremoto del 30 ottobre 2016.

Da Brooklin al Bargello: Giovanni della Robbia, la lunetta Antinori e Stefano Arienti (fino all’8 aprile): sempre al Museo del Bargello sarà possibile ammirare Firenze la lunetta con la “Resurrezione” di Giovanni della Robbia, recentemente esposta a due grandi mostre presso il Museum of Fine Arts di Boston e la National Gallery di Washington.

I volti della Riforma. Lutero e Cranach nelle collezioni medicee (fino al 7 gennaio): sempre alle Gallerie degli Uffizi, l’esposizione pensata in occasione del cinquecentenario dell’affissione delle novantacinque tesi di Lutero alla porta della Schlosskirche di Wittemberg.

Ejzenštejn. La rivoluzione delle immagini (fino al 7 gennaio): ancora Uffizi, con disegni, opere grafiche e spezzoni di film di uno dei più grandi rivoluzionari della cultura del Novecento. Un modo per ricordare il centenario della Rivoluzione socialista in Russia.

Utopie Radicali. Oltre l’architettura: Firenze 1966-1976 alla Strozzina (fino al 21 gennaio): oggetti di design, video e istallazioni, gioielli, tessuti e porcellane, nonché le opere visionarie di artisti e gruppi quali Archizoom, Remo Buti, 9999, Gianni Pettena, Superstudio, UFO e Zziggurat per rivisitare la straordinaria rivoluzione creativa fiorentina degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso.

Monet Experience e gli Impressionisti alla Chiesa di Santo Stefano a Ponte (fino al 1° maggio): la mostra multimediale proposta da Crossmedia Group è un’immersione sensoriale nei capolavori del grande maestro e dei maggiori interpreti dell’Impressionismo.

Paolo Poli è… al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (fino al 6 gennaio): video e foto, proiezioni multimediali, fondali scenografici per ricordare, a un anno e mezzo dalla scomparsa, uno dei più grandi e irriverenti attori di Firenze.

Robot Fever. I samurai nell’era del Chogokin al Museo Stibbert (fino al 7 gennaio): l’esposizione, attraverso il confronto tra le armature dei samurai conservate nella collezione giapponese del museo e l’interpretazione datane da fumetti e film d’animazione, ripercorre la storia del giocattolo nipponico e il suo successo internazionale.

Silvano Campeggi ‘Nano’ tra divi e diavoli a Palazzo Vecchio (fino al 7 gennaio): il cinema dei divi e del successo hollywoodiano, delle icone senza tempo, ma anche i personaggi storici, le grandi battaglie, i meditati disegni elbani alla mostra che Firenze dedica al mago dei cartelloni cinematografici.

Altre mostre: Disegni d’acqua. Acque e trasformazioni del territorio (fino al 19 gennaio) a Palazzo Marucelli Fenzi; e poi il Novecento di Adrian Paci. Di queste luci si servirà la notte (fino all’11 febbraio) e Rivoluzione 9999. L’architettura con gli occhi proiettati al futuro (fino al 28 gennaio) al Museo Novecento; 1927. Il ritorno in Italia. Salvatore Ferragamo e la cultura visiva del Novecento (fino al 2 maggio) al Museo Ferragamo; Made in New York. Keit Harring, Paolo Buggiani and co. (fino al 4 febbraio) a Palazzo Medici Riccardi.

Eventi per bambini

-> #spiegonebambini: ecco cosa fare con i più piccoli a Firenze

-> Attività al Museo Galileo: martedì 2 e venerdì 5 alle ore 15, giovedì 4 alle ore 11, domenica 7 gennaio doppio appuntamento alle 11 e alle 15 Cerca trova, caccia al tesoro tra gli strumenti scientifici della collezione museale, attraverso filastrocche, indizi e giochi. Martedì 2 alle ore 11, mercoledì 3 e sabato 6 gennaio alle ore 15 Gli strumenti di Galileo, laboratorio che porterà i bambini a confrontarsi con il cannocchiale e il compasso geometrico e militare. Mercoledì 3, venerdì 5 e sabato 6 alle ore 11, giovedì 4 gennaio alle ore 15 In viaggio con i Re Magi, attività per conoscere gli antichi strumenti astronomici nell’affascinante viaggio dei Re Magi.

-> Incontri museali imperdibili per i piccolissimi: Arriva… arriva… la Befana, una festa organizzata per sabato 6 gennaio alle ore 10.30 e alle 12 nelle varie sezioni del Museo di Storia Naturale di Firenze (Antropologia, Paleontologia, Zoologia La Specola) con visite guidate per grandi e piccini. Giovedì 4 alle ore 8.30 e 16.00 (Paleontologia, via La Pira 4) e venerdì 5 gennaio alle ore 9.30 e 13.00 (La Specola, via Romana 17) per il campus natalizio al Museo di Storia Naturale S-passo al Museo! Un freddo bestiale, per bambini dai 6 ai 12 anni visita per osservare animali lontani nel tempo e nello spazio, tipici di ambienti freddi. Ancora, speciale Natale a Palazzo Vecchio con Squisita scoperta. Il Granducato di Toscana e la via del cioccolato, tutti i giorni alle ore 16.00 per famiglie con bambini dagli 8 ai 12 anni, Favola del primo viaggio intorno al mondo, visita alla Sala delle Carte Geografiche per le famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni, Per fare una città ci vuole un fiore, racconto per conoscere le origini di Firenze per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni, Favola della tartaruga con la vela, percorso pensato per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni alla scoperta dei simboli delle grandi imprese del XV secolo. Per il dettaglio di giorni e orari e la verifica delle disponibilità è necessario contattare il contact centre.

-> Biblionatale. Scuse anticarbone: corso accelerato di scuse e giustificazioni per chi non è stato abbastanza buono per evitare di ricevere il carbone nella calza, venerdì 5 gennaio ore 17.00 presso la Biblioteca Ernesto Ragionieri di Sesto Fiorentino per bambini dai 6 ai 10 anni –  evento gratuito a cura dell’associazione Scioglilibro.

-> Forme di magia: le forme semplici si compongono in figure sempre diverse, diventano strumento per stimolare la creatività dei bambini dai 3 ai 6 anni e inventare storie che poi diventano gioco. Attività organizzata venerdì 5 gennaio alle ore 16.00 alla Biblioteca delle Oblate, in collaborazione con l’associazione culturale Allibratori.

-> Festa della Befana al Galluzzo: sabato 6 gennaio festa presso il Circolo ARCI Casa del Popolo (via Senese, 204).

-> Arriva la Befana: doni, giochi, dolcezze, merenda e tombola presso lo Chalet Auser (piazza delle Medaglie d’Oro) sabato 6 gennaio dalle ore 14.30.

-> Festa della Befana al Paracadute di Icaro: domenica 7 gennaio alle ore 16.30 alla Casa delle Arti (via San Brunone 4, presso la Scuola San Brunone) si festeggia la Befana con canti, danze, giochi, recitazione e disegni, in attesa che la vecchina arrivi con dolci e, sicuramente, anche con qualche pezzetto di carbone. Consigliata la puntualità.

-> Mah… chi è la Befana?: storie, domande e curiosità a cui risponderà la Befana, presso la Biblioteca Filippo Buonarroti venerdì 5 gennaio alle ore 10.30, per bambini dai 6 ai 9 anni, organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Maratonda

-> La vera storia della Befana: lettura di libri per conoscere la vera storia della vecchietta più famosa del mondo, segreti toscani che nelle altre regioni nessuno sa. E, chissà, magari potrebbe passare proprio lei a raccontarli. Incontro organizzato in collaborazione con il Centro diurno Pinocchio, venerdì 5 gennaio alle ore 10.30 alla BblioteCaNova Isolotto per bambini dai 4 agli 8 anni.

-> Spettacoli del weekend: venerdì 5 gennaio con i Pupi di Stac “Il Drago dalle Sette Teste” presso il chiostro della Chiesa di Santo Spirito (con un solo biglietto è possibile partecipare anche alla visita guidata del museo e del Crocefisso di Michelangelo) e spettacolo della Befana alla Ludoteca Il Castoro ore 16.45 e ore 17.45; sabato 6 gennaio, invece, ancora I Pupi di Stac al il Teatro Manzoni di Calenzano con “Cappuccetto Rosso” (ore 16.30) e spettacoli per bambini al Teatro 334 alle ore 11 e al Circolo Lippi alle ore 10.30; infine, “Il giardino del re” de I Pupi di Stac domenica 7 gennaio alle ore 16.30 presso il Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. Inoltre, sabato 6 e domenica 7 il musical “Madagascar” al Teatro Verdi e “Il Piccolo Principe” al Teatro Puccini.

Eventi letterari

-> #spiegonelibri: per chi ama la lettura a Firenze

-> Alla Libreria Salvemini sabato 6 gennaio 2018 alle 17.30, i due incontri di La Meditazione Gnostica Ed I Viaggi Astrali, Fonti dell’Autoconoscenza, il viaggio alla ricerca della consapevolezza interiore (per informazioni e prenotazioni: 055 7876169).

-> Sabato 6 gennaio 2018 alle 10.30, gli appuntamenti con Bioetica, Biodiritto e Biopolitica, il ciclo organizzato dalla Fondazione Culturale Niels Stensen (viale don Minzoni, 25G) dedicato al rapporto tra giurisdizione, politica ed etica (aperto ai cittadini al costo di 5 euro per ogni giornata).

Spettacoli

-> #spiegoneteatro: gli spettacoli da non perdere questa settimana

-> Gli appuntamenti del weekend cominciano con “Medici Dynasty Show” (2 e 4 gennaio), in una location davvero suggestiva, la Chiesa barocca dell’ex convento Il Fuligno, dove gli ultimi discendenti della Famiglia de’ Medici ripercorrono la storia della dinastia che ha governato Firenze per oltre tre secoli.

-> Una serata particolare vi aspetta al Teatro di Rifredi fino a domenica 7 gennaio, con lo spettacolo “La briscola in cinque” per la regia di Andrea Bruno Savelli;

-> Fino a domenica anche al Teatro delle Spiagge vi attendono “I marziani al mare”, le smanie della villeggiatura di una coppia alle prese con una vacanza da sogno, il tutto diretto da Nicola Zavagli.

-> Da segnare in agenda anche lo spettacolo internazionale “Alis – Christmas Gala” al Teatro Obihall, che consente di vedere sul palco, dal 4 al 7 gennaio, l’eccellenza circense contemporanea con un cast formato da 26 artisti che si esibiscono in numeri aerei e a terra: acrobati, giocolieri, equilibristi e musicisti.

-> Da non perdere, inoltre, l’appuntamento al Teatrodante Carlo Monni, che il 5 gennaio propone lo spettacolo “Un borghese piccolo piccolo”, tratto dall’omonimo romanzo di Vincenzo Cerami, che vedrà sul palco Massimo Dapporto per la regia di Fabrizio Coniglio.

-> Al Teatro della Pergola, invece, il 5 gennaio va in scena En Attendant Beckett”, un percorso multimediale ideato da Glauco Mauri e Roberto Sturno;

-> Da segnalare anche lo spettacolo “Dove vai tutta nuda” al Teatro di Cestello, per la regia di Marco Predieri;

-> Ricordiamo il musical “Madagascar” al Teatro Verdi, il 6 e 7 gennaio, basato sul film d’animazione della DreamWorks, una traversata oceanica all’insegna dell’amicizia adatto a un pubblico di ogni età.

-> Gli eventi teatrali principali del weekend si concludono con la “Carmen” al Teatro dell’Opera, a partire da domenica 7 gennaio, nella versione di Leo Muscato;

-> Da ricordare, infine, lo spettacolo “Gianni Schicchi”, che andrà in scena fino al 7 gennaio al Teatro le Laudi per la regia di Stefano Tamburini.

Concerti

-> Per gli amanti della musica segnaliamo tre appuntamenti da non perdere al Viper Theatre: si parte venerdì 5 gennaio con il Cartoon Party – Cristina D’Avena, una serata dove poter cantare a squarciagola le canzoni che hanno contraddistinto l’infanzia; si continua sabato 6 gennaio con il concerto di Vitalic, l’artista francese noto al grande pubblico per essere uno dei capostipiti dell’electro-house. E per finire ricordatevi il live degli Ork & Lizzard che domenica 7 gennaio vedrà sul palco del Viper un quartetto esplosivo con sonorità a metà strada tra Tool, Alice in Chains e Faith No More.

–> Da segnare in agenda anche la serata funky -jazz di venerdì 5 gennaio al Teatro del Borgo con gli Straight Away 5tet, il quintetto travolgente che unisce sul palco gusto ed energia.

–> Direttamente dai migliori club di Milano, approda a Firenze DJ Tami che il 6 gennaio suonerà live al Babylon Club per presentare il suo primo inedito My Enemy, e altri brani degli artisti del roster come Big Fish, Kharfi, Aquadrop e Retrohandz.

–> Da non perdere, infine, il concerto di Colombre, al Combo Social Club sabato 6 gennaio, senza dubbio uno dei cantanti protagonisti del 2017, candidato tra i cinque finalisti del Premio Tenco nella sezione miglior opera prima, col suo nuovo Pulviscolo Tour.

Eventi enogastronomici

-> #spiegonefood: gli appuntamenti col gusto a Firenze

-> Serata di fritto alla Trattoria Puccini di Firenze, venerdì 5 gennaio.

-> Al Caffè Desiderio di Settignano arriva la Befana e l’Aperifania con tante specialità invernali (prezzo 10 € a persona).

-> Degustazioni di dolci, caffetteria e cioccolateria al Tower Bar dell’Hotel Brunelleschi sabato 6 gennaio.

-> Per gli amanti delle colazioni fuori casa la domenica mattina torna, il 7 gennaio, la colazione vintage del Giardino delle Fate di Prato.

-> Continua anche l’appuntamento col Sunday Brunch dell’Odeon Bistrot dalle 12 alle 16.

-> Ancora Brunch anche al Dome di via il Prato 18/r.

-> Sunday Brunch in stile anglosassone anche al Cartabianca Caffè.

Nightlife

-> Una divertente serata vi attende al Capanno Black Out di Prato che venerdì 5 gennaio ospiterà la serata Hit Mania Dance Capanno With Stefano Nannicini Dj, pezzi di una colonna sonora che non ha mai smesso di deluderci e mai smetterà.

-> Rimanendo in tema di feste imperdibili, al Buh! Circolo Culturale Urabo sabato 6 gennaio vedremo l’Orchestra Spettacolo dal Vangelo Secondo, l’evento realizzato in collaborazione con Tuballoswing e TreTTempi Folk.

-> Al Glue Alternative Concept sabato 6 gennaio sarà la volta degli Zeus, pronti a radunare nuvole e scagliare fulmini su questa terra; un Armageddon che fa godere dall’inizio alla fine, con un nuovo mix che vede basso e batteria separati nel panorama stereo.

-> Per finire, alla Flog il 6 gennaio toccherà alla Band del Brasiliano, un ensemble di musicisti toscani con brani originali e dai beat scatenati, accanto al repertorio inedito e non che attinge alla tradizione retrò easy listening, funk e sexy all’italiana, in un ritmato ed ironico crossover di stili e generi.

Gite fuori porta

Firenze e dintorni: tesori da scoprire fuori città

Firenze da vivere: i consigli della redazione

Sei in visita a Firenze e vuoi sapere cosa andare a visitare? Passi per il capoluogo toscano solo per poco tempo e desideri fare una passeggiata veloce? Vivi a Firenze e hai bisogno di idee su cosa o dove mangiare, su dove acquistare oggetti specifici o su cosa fare la sera? Ecco i consigli della nostra redazione e continua a seguirci per tante altre proposte!

Cosa vedere a Firenze in mezza giornata

Cosa vedere a Firenze in un giorno

Cosa vedere a Firenze in tre giorni

Cosa mangiare a Firenze: piatti tipici

Cosa mangiare a Firenze: dolci tipici

Cosa mangiare a Firenze: pizzerie

Cosa mangiare a Firenze: street food

Cosa comprare a Firenze

Cosa fare a Firenze la sera

Speciale Natale a Firenze: mercatini e Winter Park

Etichette: